Saintpaulia: come coltivare questo perfetta pianta da appartamento

Saintpaulia: come coltivare questo perfetta pianta da appartamento

In questo articolo vi parleremo di una piccola pianta da interni che a differenza della maggior parte delle piante da interni, ha il pregio di regalare splendide fioriture durante tutto l'anno, stiamo parlando della saintpaulia o violetta africana.

Questa piccola pianta succulenta erbacea e perenne fa parte della famiglia delle gesneriaceae trovando la sua origine nell’Africa centro-orientale.

Si presenta come una piantina erbacea succulenta dal portamento basso a forma di rosetta, cioè i gambi, diritti e succulenti, partono dal centro della pianta i quali portano un fogliame molto decorativo dal colore verde scuro sopra e violaceo sotto, dalla forma tondeggiante e leggermente ricoperta da peluria.

La fioritura della pianta è continua nel corso dell’anno poiché emetterà continuamente gambi floreali ramificati che portano diversi piccoli fiori che sbocciano continuamente dalle tinte che vanno dal bianco al viola nelle diverse sfumature.

I fiori hanno una forma semplice ma alcune cultivar possiedono fiori anche più complessi che possono cambiare colore nel corso della maturazione del fiore come dal bianco al rosa.

La pianta di saintpaulia per alcune sue caratteristiche ama essere coltivata come pianta d’appartamento, al chiuso dato che molti agenti atmosferici rischiano di farla perire.

Detto ciò il luogo migliore per posizionare il nostro vaso di saintpaulia nelle nostre abitazioni deve essere ben luminoso ma mai esposto ai raggi solari diretti che rischiano di bruciare le foglie e al riparo da eventuali correnti fredde.

Si può coltivare anche in vasi bassi e larghi pieni di un terriccio molto drenate, come quello per cactus (50% terriccio universale e un 50% di materiale drenante come ghiaia, sabbia o argilla espansa).

L’altro aspetto che, se somministrato erratamente mette in pericolo la pianta, oltre alla luce diretta del sole sono le irrigazioni che devono essere fornite alla pianta solo quando il terreno risulta asciutto, tramite immersione in qualche centimetro d’acqua del fondo del vaso evitando sempre di bagnare le foglie e i fiori che potrebbero macchiarsi e marcire.

Dopo qualche minuto di immersione del vaso eliminare l’acqua in eccesso e lasciare drenare il terreno.

Per le irrigazioni è bene utilizzare acqua povera di minerali come l’acqua piovana.

Le concimazioni non sono richieste, ma un rinvaso dopo uno o due anni mettendo del nuovo terriccio aiuta lo sviluppo della pianta.

La saintpaulia non necessita di potatura ma di una pulizia atta ad eliminare le foglie e i fiori morti. Data la coltivazione in casa si deve periodicamente spolverare utilizzando un pennello morbido o degli straccetti attira polvere con molta cura.

La saintpaulia si riproduce tramite talea fogliare tagliando una buona foglia e piantandola in un terreno che deve restare sempre umido.

Se si procede nel modo corretto in un secondo si svilupperà una nuova piantina dal gambo reciso che maturerà rapidamente.

È molto raro che qualche malattia colpisca in modo grave la nostra saintpaulia, se si fa attenzione alla luce solare e all’eccessiva irrigazione che farà comparire marciumi radicali.

Leggi anche l’articolo sul Feijoa.

Fonte